AIUTO ALL’AVVIAMENTO DI ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI PER GIOVANI AGRICOLTORI

OBIETTIVO

Il bando è finalizzato alla concessione di un sostegno a giovani imprenditori agricoli che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda, dietro presentazione di un Piano di Sviluppo Aziendale (PSA). La finalità del sostegno è quella di offrire opportunità e strumenti per attrarre i giovani nel settore agricolo e per consentire loro di attuare idee imprenditoriali innovative, anche mediante approcci produttivi maggiormente sostenibili sia in termini ambientali, che in termini economici e sociali.

Sono due le principali finalità del sostegno:
a) Incentivare la costruzione di imprese in grado di garantire l’attività nel medio periodo,
b) Contribuire all’ammodernamento del settore dell’agricoltura, attraverso il ricambio generazionale e l’introduzione di giovani nel settore.

 

 

BENEFICIARI

Beneficiari del sostegno sono i giovani di età compresa tra i 18 e i 41 anni non compiuti al momento di presentazione della domanda, che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda.

 

REQUISITI DEI BENEFICIARI

Il giovane agricoltore dovrà essere in possesso di uno dei seguenti requisiti:

a) titoli di studio a indirizzo agrario o agro-alimentare, conseguito in Italia presso scuola statale o paritaria (secondo le norme vigenti) ovvero all’estero ma legalmente accreditato in Italia:
– Titolo universitario afferente agli indirizzi agricoli, agroalimentari, ambientali, veterinari, biologici e forestali.

– Titolo di scuola secondaria di secondo grado a indirizzo agrario o agroalimentare.

b) esperienza formativa a indirizzo agrario o agro-alimentare per un minimo di 150 ore desumibile da un attestato rilasciato da Organismi formativi accreditati;
c) esperienza lavorativa di minimo tre anni come coadiutore familiare in azienda agricola o come operaio agricolo con la qualifica di specializzato super.

ENTITA’ DELL’AGEVOLAZIONE

  • Per l’insediamento dei giovani agricoltori, la dotazione finanziaria del Bando è pari a € 1.500.000.
    L’entità del sostegno all’insediamento in agricoltura è fissata in € 60.000.
    Il sostegno è elevato a € 70.000 nel caso di insediamento in aziende ricadenti in area D, come individuata dal P.S.R. 2014/2022 della Regione Abruzzo. Per insediamento in area D si intende la localizzazione del centro aziendale principale (fabbricato o complesso di fabbricati connessi all’attività aziendale) e almeno il 51 % della SAU aziendale, in detta area.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese nelle seguenti categorie di investimenti:
• Terreni
• Miglioramenti fondiari
• Impianti di produzione di energia
• Beni immobili produttivi
• Investimenti per norme comunitarie
• Macchine, impianti ed attrezzature
• Investimenti immateriali
• Spese generali
• Altre tipologie di attività per lo sviluppo del PSA

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La data effettiva di apertura sul SIAN delle funzioni di compilazione e trasmissione delle domande di sostegno sarà comunicata con un avviso separato sul sito della Regione Abruzzo.

NOTE

  • Il sostegno può essere erogato solamente in favore di imprese classificate come: micro impresa [N(lavoratori) < 10 e fatturato o totale di bilancio inferiore a 2.000.000 €] o una piccola impresa [N(lavoratori) < 50 e fatturato annuo o totale di bilancio non superiore a 10.000.000 €];
  • L’aiuto non è cumulabile con nessun’altra agevolazione pubblica per le stesse voci di spesa (no double funding),ad esempio: contributi della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA), aiuti dell’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA) ;
  • Conservare tutta la documentazione contabile, tecnica ed amministrativa inerente alla concessione delle agevolazioni e ai servizi fruiti tramite le stesse per un periodo non inferiore a 5 anni dalla data di concessione delle agevolazioni.

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

BANDO PUBBLICO

APPENDICI BANDO

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Altri bandi e agevolazioni

Finanza agevolata
Studio Colantuono

ZES Unica

A partire dal primo gennaio 2024, le imprese che operano o si insediano nelle regioni del Mezzogiorno potranno beneficiare di una nuova Zona Economica Speciale

Scopri di più »

Contenuti