BONUS EXPORT DIGITALE PLUS

OBIETTIVO

Il Bonus Export Digitale Plus disciplina la concessione e l’erogazione di contributi – in forma di bonus – finalizzati a sviluppare l’attività di esportazione e di internazionalizzazione delle micro o piccole imprese manifatturiere mediante l’impiego delle soluzioni digitali per l’export disponibili sul mercato.

 

BENEFICIARI

Il contributo è destinato alle micro imprese o piccole imprese manifatturiere (codice ATECO: C) nonché alle reti e ai consorzi di micro e piccole imprese. Originariamente le agevolazioni erano destinate solo alle microimpresa, in forma singola o riunite in reti o consorzi, ma con il provvedimento del 14-12-2022 si è deliberata l’estensione della copertura delle agevolazioni anche alle piccole imprese.

 

REQUISITI DEI BENEFICIARI

  • Essere in possesso di partita IVA con codice Ateco primario iniziante per un valore compreso tra 10 e 33 (che fanno parte della sezione C della lista dei codici ATECO 2007);
  • Essere una micro impresa [N(lavoratori) < 10 e fatturato o totale di bilancio inferiore a 2.000.000 €] o una piccola impresa [N(lavoratori) < 50 e fatturato annuo o totale di bilancio non superiore a 10.000.000 €]
  • Essere attive e risultare iscritte al Registro delle Imprese;
  • Avere sede legale o sede operativa e stabilimento produttivo in Italia;
  • Aver avviato da almeno un anno, la fatturazione di prodotti commerciali;
  • Essere iscritte presso INPS e INAIL ed essere in regola con i contributi previdenziali (DURC REGOLARE);
  • Essere in regola con gli adempimenti fiscali;
  • Essere in possesso di posta elettronica certificata (PEC);
  • Alle reti e ai consorzi devono aderire almeno 5 (cinque) micro o piccole imprese aventi i requisiti sopraelencati;
  • Ciascuna impresa può aderire ad una sola rete o consorzio beneficiario dell’intervento;
  • Non possono aderire alle reti o ai consorzi le imprese che presentano direttamente domanda di concessione del contributo di cui al presente accordo;
  • Sia alla data di presentazione della domanda di concessione che alla data di richiesta di erogazione del contributo, tutte le imprese, anche quelle aderenti alle reti o ai consorzi, devono risultare in possesso dei requisiti sopraelencati;
  • Le imprese partecipanti, singolarmente o come membri di reti d’impresa o consorzi, non devono far parte dell’elenco delle società fornitrici riconosciute da Invitalia s.p.a.;
  • I soggetti beneficiari che hanno ottenuto l’agevolazione a valere sulla precedente misura “Bonus per l’Export Digitale” possono richiedere il contributo solo se hanno completato l’iter agevolativo e hanno rendicontato nei termini. I soggetti beneficiari già assegnatari del “Bonus per l’Export Digitale” destinatari di provvedimenti di revoca, di decadenza per rinuncia o per mancata rendicontazione non possono accedere al contributo.

 

SOCIETA’ FORNITRICI

Vincolo di terzietà

Sono ammissibili esclusivamente titoli di spesa in formato elettronico emessi da società fornitrici presenti nell’elenco riconosciuto da Invitalia. Le società iscritte all’elenco riconosciuto devono comunque soddisfare il vincolo di terzietà con le micro o piccole imprese che presentano domanda di agevolazione secondo i seguenti criteri:

  • Non può esservi alcuna influenza della società beneficiaria sulla composizione, sulle votazioni e sulle decisioni degli organi sociali dell’impresa fornitrice e viceversa;
  • L’amministratore unico e/o uno dei soci della società beneficiaria non possono detenere partecipazioni nella società fornitrice, e viceversa;
  • Non possono sussistere relazioni di parentela tra gli amministratori e/o i soci che detengono partecipazioni rilevanti della società fornitrice e della società beneficiaria.

Iscrizione all’elenco di Invitalia delle società fornitrici

Possono presentare domanda di iscrizione all’elenco riconosciuto le imprese che alla data di domanda di iscrizione rispettino i seguenti requisiti:

  • Sono costituite in forma societaria (non ammessi professionisti e ditte individuali);
  • Sono iscritte al registro delle imprese e sono attive;
  • Hanno sede legale e operative nell’unione europea;
  • Hanno realizzato nei tre anni precedenti alla data di presentazione della domanda servizi o prestazioni relativi ad una o più delle spese ammissibili elencate sopra, per un ammontare pari ad almeno 200.000 euro;
  • Svolgono una attività coerente con le finalità del bando (paragrafo 1), come riscontrabile dall’oggetto sociale previsto da statuto o atto costitutivo;
  • Le domande di iscrizione devono essere trasmesse esclusivamente tramite procedura informatica dedicata disponibile nell’apposita sezione “Bonus Export Digitale Plus” del sito internet di Invitalia (www.invitalia.it), dal legale rappresentante della società, dalle ore 10:00 del 13/02/2024alle ore 17:00 del 30/09/2024;
  • All’atto di iscrizione le società fornitrici dovranno indicare un indirizzo PEC quale punto di contatto.

ATTENZIONE! L’iscrizione all’elenco da parte di una società che ha presentato domanda di agevolazione è motivo di revoca dal contributo!

 

ENTITA’ DELL’AGEVOLAZIONE

  • Per le singole imprese manifatturiere, contributo a fondo perduto pari a 10.000 € a fronte di una spesa minima di 12.500 €;
  • Per reti o consorzi contributo a fondo perduto pari a 22.500 € a fronte di una spesa minima di 25.000 €;
  • I contributi sono concessi nell’ambito del regolamento “de minimis”;
  • Tutte le spese sono da intendersi al netto d’IVA;
  • Non sono ammissibili spese inferiori a 12.500 € per le singole imprese manifatturiere, e a 25.000 € per le reti d’impresa e per i consorzi.

 

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili a contributo le seguenti spese sostenute dai soggetti beneficiari:

  • Spese per la realizzazione di sistemi di e-commerce verso l’estero, siti e/o app mobile, ivi compresi eventuali investimenti atti a garantire la sincronizzazione con marketplace internazionali forniti da soggetti terzi;
  • Spese per la realizzazione di sistemi di e-commerce che prevedano l’automatizzazione delle operazioni di trasferimento, aggiornamento e gestione degli articoli da e verso il web nonché il raccordo tra le funzionalità operative del canale digitale di vendita prescelto e i propri sistemi di Customer Relationship Management – CRM (ad esempio i sistemi API – Application Programming Interface);
  • Spese per la realizzazione di servizi accessori all’ e-commerce quali quelli di smart payment, predisposizione di portfolio prodotti, traduzioni, shooting fotografici, video making, web design e content strategy;
  • Spese per la realizzazione di una strategia di comunicazione, informazione e promozione per il canale dell’export digitale, con specifico riferimento al portafoglio prodotti, ai mercati esteri e ai siti di vendita online prescelti;
  • Spese per digital marketing finalizzate a sviluppare attività di internazionalizzazione: campagne di promozione digitale, Search Engine Optimization (SEO), costi di backlink e di Search Engine Marketing (SEM), campagne di content marketing, inbound marketing, di couponing e costi per il rafforzamento della presenza sui canali social; spese di lead generation e lead nurturing;
  • Servizi di CMS (Content Management System): restyling di siti web siano essi grafici e/o di contenuti volti all’aumento della presenza sui mercati esteri;
  • Spese per l’iscrizione e/o l’abbonamento a piattaforme SaaS (Software as a Service) per la gestione della visibilità e spese di content marketing, quali strumenti volti a favorire il processo di esportazione;
  • Spese per servizi di consulenza per lo sviluppo di processi organizzativi e di capitale umano finalizzati ad aumentare la presenza sui mercati esteri;
  • Spese per l’upgrade delle dotazioni di hardware necessarie allo sviluppo di processi organizzativi di cui al punto precedente.

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Le domande di partecipazione per il Bonus Export Digitale devono essere compilate e presentate esclusivamente tramite la procedura informatica, resa disponibile nell’apposita sezione “Bonus Export Digitale Plus” del sito internet di Invitalia (www.invitalia.it). Inoltre:

  • Il soggetto gestore è Invitalia s.p.a.;
  • Le domande saranno istruite con procedura valutativa a sportello;
  • Ciascuna impresa, singolarmente o tramite una rete o un consorzio, può presentare una sola richiesta di contributo;
  • La compilazione delle domande è riservata al rappresentante legale dei soggetti richiedenti, come risultante dal registro delle imprese;
  • La domanda ed i relativi allegati devono essere firmati digitalmente e i soggetti richiedenti devono essere in possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva e risultante dal registro delle imprese;
  • La compilazione della domanda è possibile dalle ore 10:00 del giorno 13/02/2024 al giorno 12/04/2024 alle ore 10:00;
  • I soggetti beneficiari dell’agevolazione possono presentare domanda di erogazione del contributo, esclusivamente usando la procedura informatica, entro e non oltre le ore 17:00 del 30/09/2024;
  • La domanda deve pervenire completa in ogni sua parte.

 

NOTE

  • Sono ammissibili esclusivamente titoli di spesa in formato elettronico emessi in data successiva alla presentazione della domanda di contributo;
  • In fase di presentazione della domanda è necessario assolvere agli adempimenti relativi all’imposta di bollo (16,00 €), mediante annullamento e conservazione in originale presso la proprio sede legale o unità locale della marca da bollo;
  • L’aiuto non è cumulabile con nessun’altra agevolazione pubblica per le stesse voci di spesa (no double funding);
  • Fatte salve le eventuali richieste di integrazione documentale, i contributi sono concessi da Invitalia entro 90 giorni dal termine ultimo per la presentazione delle domande;
  • Conservare tutta la documentazione contabile, tecnica ed amministrativa inerente alla concessione delle agevolazioni e ai servizi fruiti tramite le stesse per un periodo non inferiore a 5 anni dalla data di concessione delle agevolazioni.

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

Provvedimento Attuativo del 6 febbraio 2024

Bando dell’8 gennaio 2024

 

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Altri bandi e agevolazioni

Finanza agevolata
Studio Colantuono

ZES Unica

A partire dal primo gennaio 2024, le imprese che operano o si insediano nelle regioni del Mezzogiorno potranno beneficiare di una nuova Zona Economica Speciale

Scopri di più »

Contenuti